view the original web site (2003)


Internet Landscape
2003

Internet Landscape is a project of photo reportage from the world of the Net, since 2003.
This is the original version  of Internet Landscape Manifesto,  the first theoretical reflection on net photography.

 

Net Photography Manifesto

Marco Cadioli 2003

Internet is a place. A chance of another possible reality. A developing and growing place turning into a urban space. It is increasing and moving boundary.Internet is not just a bad time market.
It is a place we spend a lot of our time life.

Taking pictures from the net, it means take a look at its phenomenology.
It means an open-minded approach beyond any theory.
It means looking to this slice of reality and turn it into eternity.
It means seizing this process while still increasing. When places can come out from nowhere, born just from ideas and softwares. And nowhere is the place they are going to.

These moving landscapes must be studied.
They deserve to be talked about because it is worth history.
It is necessary to travel across this land to catch it.

Internet Landscape introduces the trip’s reportages.

Inside the net it is time to stop the present. In order to take it from its flow and watch it the way it is. To do that, we are using machines’ memories.
When a site disappears, it is forever. Nothing remains of its former life, neither do ruins.
Pictures can give back its presence the way it “has been”.

Significant and beautiful places belong to the net. They need to be observed to understand that a new reality is coming on: such of data bases using space representations. As Miltos Manetas says in
Websites, the art of our times “Taking snapshots of web pages is observing how those entities behave and it is also searching for a new kind of beauty”

These are reportages from the limits, where people who try and create stand, where you can find exhibitions and unusual places.
Every web site defines an entire world of rules, set up by someone who decided to. There you will find placement, building, and architecture.
Every web site runs along computer rules as the outside world runs along physics’. Every web site gets along software rules as its own rules.

Objects you’ll meet here behave and relate their own way. They are elements of a growing landscape. Every designer is now contributing to their history.

The shots in here are from the net. The Cut &Paste operation is legitimate in the new media, and, as Lev Manovich says, it belongs to digital logic.
These pictures are the natural outcome from a world of data. The digital code is the one we have chosen to represent Reality.

 

italian

Net Photography Manifesto
Marco Cadioli 2003
Internet è definitivamente uno spazio, un’altra possibile realtà che si sta sviluppando, urbanizzando. E’ una frontiera in continua espansione, mobile.
Internet non è solo il mercato in crisi. E’ uno dei luoghi dove passiamo parte della nostra vita.

Fotografare la rete vuol dire guardarla, osservarla fenomenologicamente con uno sguardo aperto sull’evento, prima e fuori da ogni teoria su di essa.
Inquadrare parti della realtà oltre lo schermo e fermarle in un istante definito.
E’ fermare un processo in continuo divenire, dove i luoghi nascono dal nulla generati dai idee e da software, e altrettanto nel nulla scompaiono.

E’ necessario studiare il paesaggio in trasformazione della rete, testimoniarlo perché ha il valore della storia, fotografarne i personaggi, gli oggetti e gli ambienti.
E’ necessario viaggiare per appropriarci di questo territorio.

Internet landscape presenta i reportages di questi viaggi.

E’ ora di fermare il presente di internet, attraverso la memoria delle macchine, per poterlo togliere dal tempo e contemplarlo nella sua presenza reale.
Quando un sito scompare lo fa definitivamente, non rimangono tracce della sua pre-esistenza, nemmeno le macerie. La fotografia torna a testimoniare l’esistenza, l’esserci stato.

La rete ha luoghi che esprimono una loro bellezza, da osservare, per comprendere l’estetica di una nuova realtà, data base che usano rappresentazioni spaziali. Come dice Miltos Manetas in Websites, the art of our times “Taking snapshots of webpages is observing how those entities behave and it is also searching for a new kind of beauty”

Sono reportage di viaggi in luoghi di confine dove c’è un sacco di gente che crea e sperimenta, si aprono gallerie d’arte, si costruiscono spazi insoliti. Ogni web site è la definizione di un mondo con regole proprie arbitrariamente create dall’uomo, costruzione, architettura, insediamento. Risponde alle regole della logica dei computer come il mondo fuori funziona secondo le leggi della fisica. Risponde alle leggi del software come proprie leggi di natura.

Gli oggetti che si incontrano hanno una loro autonomia di comportamento e si relazionano a noi, costituiscono gli elementi di un paesaggio che migliaia di designer stanno costruendo in questo momento storico.

Le foto presentate sono snapshot di pagine web, e l’operazione di “cut” and “paste” è “legittimata” nei new media, come afferma Lev Manovich, è nella logica della codifica digitale.
Esse sono la naturale declinazione della fotografia negli spazi di dati, e la codifica digitale è quella che abbiamo scelto per rappresentare il mondo.